• WP
  • News
  • IAB Forum e NETCOMM Focus Food

IAB Forum e NETCOMM Focus Food


Un mese ricco di eventi, in cui Webperformance è stata protagonista con due workshop originali. 

Vi avevamo dato appuntamento ai nostri workshop del 13 e 14 novembre a Milano, in occasione di IAB Forum e del Netcomm Focus Food. Se non siete riusciti a partecipare, ecco un breve estratto dei nostri interventi.

 

IAB FORUM

“Sinergie tra Online e Offline per il Drive to Store”

In questo breve video è illustrata l’integrazione sinergica tra canali di comunicazione online e offline che un qualsiasi retailer può attuare per condurre i potenziali clienti ai propri negozi.

 

 

Leggi l’articolo in cui avevamo introdotto l’argomento prima del workshop; potrai capire meglio perchè questa strategia è di successo, soprattutto alla luce dei cambiamenti che i retailer stanno vivendo. 

 

NETCOMM FOCUS FOOD

 

Il secondo appuntamento del mese che ci ha visti protagonisti è stato il Netcomm Focus Food, evento di cui Webperformance è stata Sponsor.

 

Il nostro CEO, Alessandro Scartezzini, ha partecipato alla tavola rotondaFood brand e nuovo marketing digitale” moderato da Armando Garosci (Giornalista Largo Consumo) e presenziato da Nestlé Italiana S.p.A, Danone, Barilla, Galbusera Spa e Gruppo Mondadori. Ecco un piccolo estratto:

 

 

Durate il pomeriggio, nel nostro workshop dedicato, abbiamo parlato di “Food e Digitale: cosa non ha funzionato? ” Un rapporto difficile tra due settori, segnato principalmente da diverse fasi:

 

  • SITO INTERNET: negli anni 2000, i grandi brand hanno approcciato il mercato digitale sostenendo ingenti investimenti nella creazione del proprio sito, senza che questo portasse alcun valore aggiunto non solo alle vendite, ma nemmeno in termini di brand image e brand awareness.

 

  • ADV ONLINE: in una seconda fase ai brand è stata consigliata la strada della pubblicità online, così che il sito ottenesse finalmente delle visite da un pubblico che non fosse composto solo dai dipendenti dell’azienda. Peccato che anche questi primi investimenti pubblicitari avessero un costo esorbitante e la gestione dei dati non fosse ancora un tema ampiamente familiare, lasciando molte lacune in termini di ROI.

 

  • SOCIAL NETWORK: eccoci all’avvento dei social network, dove le promesse iniziali erano quelle di poter instaurare una relazione libera ed esclusiva con il target di proprio interesse. In poco tempo però questa presenza, se non tramite una pianificazione a pagamento, si è sempre più impoverita a causa del crescente affollamento di notizie, spazi e nuovi interlocutori

 

  • E-COMMERCE: l’ulteriore consiglio del mondo digitale a quello del food si è spostato allora sull’andare a trovare direttamente il cliente a casa sua. Innumerevoli aperture di food delivery e di piccoli e-commerce spuntati quà e là si sono dimostrate un esperimento fallimentare nella maggior parte dei casi. L’e-commerce non è un ambiente per tutti i settori e per il quale tutti i retailer sono pronti.

 

  • NEGOZIO: finalmente la meta! Ospitare i clienti direttamente a casa propria, avvalendosi di una strategia drive to store e di un rinnovamento dell’esperienza offerta all’utente presso il punto vendita: ripartire da qui potrà aiutare sicuramente numerosi retailer non solo ad incrementare le vendite, ma a ritrovare fiducia anche nel mondo digitale!