Blog

FACEBOOK – Nuovi requisiti per l’utilizzo delle “Custom Audience”


La grande quantità di informazioni, non sempre rilevante, presente sui social network rende necessario per le aziende comunicare nel modo più efficace possibile con la propria audience di riferimento. La possibilità di veicolare il messaggio giusto al momento giusto al proprio target è la discriminante fondamentale per il successo di una strategia comunicativa. Questo approccio ha un duplice vantaggio: da una parte le aziende investono consapevolmente il proprio budget e dall’altro i clienti visualizzano inserzioni pubblicitarie coerenti con i propri interessi.

In quest’ottica si iscrivono tutte le attività di retargeting, il cui obiettivo è proporre un annuncio pubblicitario a clienti che hanno in precedenza mostrato interesse per il brand visitando il sito o acquistando un determinato prodotto.

Novità Google My Business: facilitata la gestione di località multiple


Rimosso il limite di 100 località per account, le agenzie registrate potranno gestire migliaia di sedi con un unico Organization Account.

Google My Business, servizio che permette ai brand di inserire le principali informazioni relative ai propri negozi offline, ha rilasciato nuovi tool per facilitare la gestione delle differenti sedi.

I principali miglioramenti sulla piattaforma includono una nuova dashboard per le agenzie, l’inserimento di sezioni specifiche dove inserire una descrizione dettagliata dell’attività e il superamento del limite di 100 sedi per account.

Amazon Vendor o Amazon Seller. Come vendere su Amazon


IL PROGRAMMA DI AFFILIAZIONE DI AMAZON: VANTAGGI E SVANTAGGI

Molti brand al giorno d’oggi trovano difficoltà a trovare il miglior canale per vendere i propri prodotti online. Il costo della creazione di un e-commerce proprietario è proibitivo per le piccole realtà, mentre in altri casi, società più grandi e strutturate, cercano canali di vendita alternativi. Amazon è sicuramente uno dei principali player per rispondere a queste esigenze. Il Marketplace di Amazon è infatti una vetrina per esporre i propri prodotti attraverso un programma di affiliazione. Si rivolge a tutti i tipi di brand che vogliano vendere, offrendo loro una grande visibilità a costi limitati.

Il commercio online è in continua crescita, solo lo scorso anno ha raggiunto un valore globale di 2290 milioni di dollari. Amazon da solo ha chiuso il 2017 con un fatturato di 117,9 miliardi di dollari, un quinto del valore totale di mercato. Inoltre Amazon ha un ruolo cruciale nei processi d’acquisto non solo online ma anche offline.

5 motivi per pensare al web in un’ottica Mobile-First


Mettendo in atto il mobile-first indexing su tutto il web, qualche mese fa Google ha dato inizio a una nuova modalità di indicizzazione in cui la versione mobile viene presa in esame prima di quella desktop. Se controllate i messaggi della vostra search console troverete il giorno esatto in cui Google ha aggiornato la sua indicizzazione anche per il vostro sito.

Da molto tempo si parlava dell’importanza di riadattare i contenuti dei siti web per facilitare la navigazione da mobile, in quanto sempre più utenti effettuano ricerche e acquisti dallo smartphone. Oggi invece si può tranquillamente affermare che nello sviluppo di un sito web si debba pensare in primis alla sua versione mobile.

In arrivo su Google l’etichetta “Non sicuro” per i siti senza protocollo HTTPS


Sul nuovo Chrome 68 lo standard è HTTPS

Con la notizia del rilascio di Chrome 68 a luglio 2018, Google continua a mettere alle strette tutti gli advertiser che non hanno ancora effettuato il passaggio dal protocollo HTTP a quello HTTPS. Ad oggi Google premia con l’etichetta “sicuro” e l’icona di un lucchetto verde tutti i domini con HTTPS, ma a partire da quest’estate i siti che utilizzeranno ancora il protocollo HTTP verranno segnalati agli utenti come non sicuri.