Le Strategie di offerta Search Ads 360: Come risparmiare tempo e denaro

11/09/2019

Quando si tratta di gestire campagne SEM, in particolare all’interno di grandi account, ci si trova a gestire molte parole chiave ed è necessario assicurarsi di utilizzare gli strumenti giusti per evitare di perdere tempo e denaro. In questo articolo te ne presentiamo uno che ti renderà la vita più facile: le Strategie di Offerta di Search Ads 360 (SA).

Che cosa sono le strategie di offerta di Search Ads 360?

Le strategie di offerta di SA ottimizzano la spesa pubblicitaria tra i motori di ricerca supportati dalla piattaforma. Monitorano il rendimento delle parole chiave e adeguano le offerte per raggiungere diversi tipi di obiettivi:

  • Aumento di conversioni o entrate: se usi il cosiddetto Floodlight o Google Analytics per tracciare le attività sul tuo sito web, puoi creare strategie di offerta intelligente (Smart Bidding) che trovano le offerte ottimali al fine di massimizzare il numero di conversioni o le entrate generate su il tuo e-commerce ad un costo per azione (CPA) mirato, una quota di entrate effettive (ERS) o un ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS).

  • Ottenere il miglior ranking: questo obiettivo aggiusta le offerte in modo che i tuoi annunci vengano visualizzati in una posizione specifica sulla SERP che vuoi raggiungere. Viene spesso utilizzato per campagne di branding in cui l’esposizione del marchio è una priorità assoluta.

  • Ottenere il maggior numero di clic consentiti dal tuo budget: questo obiettivo applica le offerte ottimali per indirizzare tutto il traffico disponibile al tuo sito web. Tieni presente che questa strategia di offerta non considera le azioni intraprese dagli utenti una volta che sono sul tuo sito, ma si concentra semplicemente sull’aumento del traffico.

  • Obiettivo di spesa mensile: se disponi di un budget mensile fisso e desideri assicurarti di spendere l’importo esatto, questa strategia ti consente di aggiustare le offerte in modo da spendere tutto il budget a disposizione uniformemente ogni mese, massimizzando al contempo le conversioni da te specificate durante il settaggio.

“Salute” delle strategie di offerta SA

Circa 2 o 3 settimane dopo aver aggiunto un portfolio di parole chiave ad una strategia di offerta di SA, sei pronto a verificare il loro stato e rendimento nella scheda Panoramica della strategia di offerta. Questo in quanto le strategie hanno un periodo cosiddetto di apprendimento.

La tab include diverse sezioni che insieme forniscono una rapida panoramica dell’efficienza della strategia. L’overview include:

  • Un pannello “salute” che indica se una strategia di offerta funziona in modo efficiente

  • Un grafico di riepilogo che mostra il rendimento della strategia di offerta in un intervallo di tempo specificato

  • Una timeline con codice colore che mostra quando inizia e finisce un problema che influisce sul corretto funzionamento di una strategia di offerta. Passa con il mouse sulla timeline per visualizzare un riepilogo del problema

  • Una scheda di valutazione che mostra le metriche della strategia di offerta come posizione media, azioni, costo e numero totale di elementi disponibili nel portfolio (parole chiave nel caso che abbiamo presentato)

Applicare le strategie SA: case study

Supponiamo di voler ottimizzare la nostra spesa, in questo caso riducendo il CPC medio, e di volerci concentrare sulle parole chiave che stanno convertendo. Vogliamo quindi ridurre il budget per le keywords che non contribuiscono alla generazione di entrate.

La prima cosa da tenere a mente è che abbiamo bisogno di un cospicuo portfolio di keywords affinché la nostra strategia di offerta funzioni correttamente. Ecco perché abbiamo preso in considerazione tutte le parole chiave dei nostri account.

Prima di creare le strategie di offerta vere e proprie, è importante impostare dei parametri affinché esse vengano istruite su cosa fare e su come andare ad agire sulle offerte. Dobbiamo quindi identificare le parole chiave che hanno convertito durante un determinato periodo di tempo e le dobbiamo differenziare da quelle che non hanno portato risultati.

Poiché vogliamo anche essere sicuri che il nostro CPC medio diminuisca, abbiamo deciso di suddividere le keywords non performanti in due gruppi distinti a seconda del loro attuale CPC medio con l’obiettivo di ridurlo in entrambi i casi.

L’importantissima funzione di Search Ads che ci permette di farlo sono le Etichette.

Una volta finito di etichettare il nostro portfolio di parole chiave, possiamo iniziare a creare le strategie di offerta settando i diversi obiettivi che vogliamo raggiungere. Nel nostro caso sia l’aumento delle entrate che la riduzione del CPC medio. Queste due metriche possono anche essere combinate con altri fattori, come ad esempio la posizione media che vogliamo mantenere. Attenzione però a non impostare troppi parametri altrimenti la tua strategia di offerta potrebbe risultare vincolata come nell’esempio che ti presentiamo qui sotto:

Ma tu potresti pensare, “e se aggiungessimo nuove parole chiave alle nostre campagne?” Beh, devi solo impostare alcune regole affinchè vengano etichettate in maniera automatica dal sistema e per applicarvi una determinata strategia di offerta.

Risultati ottenuti con l’implementazione delle strategie di offerta

Confrontando il periodo durante il quale abbiamo applicato le strategie di offerta alle nostre parole chiave con quello precedente, notiamo che le KPI considerate sono migliorate notevolmente.

Nel nostro caso il CPC medio è calato del 17%, passando da € 1,16 a € 0,96, e il trend indica inoltre che ci saranno ulteriori miglioramenti in futuro.

Grazie all’applicazione delle strategie di offerta di Search Ads 360 quindi, con lo stesso budget speso, siamo stati in grado di ottenere + 20% di traffico più qualificato mentre abbiamo registrato lo stesso numero di transazioni. Tuttavia, è migliorata la redditività complessiva dell’account aumentando le entrate del + 30%.

Come puoi intuire da questo articolo, grazie a queste strategie puoi ottenere notevoli risultati, anche nel breve termine. Questo dipende però dalla metrica sulla quale vuoi intervenire. Nel caso di volumi di conversione e ROAS per esempio, i tempi di apprendimento e reazione della strategia possono variare.

Se vuoi saperne di più sui vantaggi dell’utilizzo della piattaforma Search Ads 360, stay tuned!

AUTORE: Valentina Falvo – Paid Media Specialist

Tags