L’attuale evoluzione di Google My Business

06/05/2020

Google e la pandemia hanno reso Google My Business (GMB) uno strumento di marketing locale ancora più importante per le PMI e i marchi multi-location, trasformandolo nel luogo centrale di comunicazione tra imprese e consumatori in merito a orari dei negozi, chiusure, servizi e altre informazioni.

In questo periodo in cui i consumatori sono stati costretti a cambiare le loro abitudini, anche la natura delle loro ricerche è cambiata rapidamente. Per esempio per molte attività le richieste di orari si sono tramutate in “Posso visualizzare il menù?” e in seguito in “Offrite consegne a domicilio?”.

Gli insights di GMB mostrano che il coinvolgimento dei consumatori è cambiato in modo significativo durante la crisi. Le persone hanno modificato il loro comportamento di acquisto online, allontanandosi sempre più dalle sedi fisiche delle attività. Ad esempio, la query “Takeout near me” ha superato “Restaurant reservations”. I clic su “Indicazioni stradali” sono scesi del 60% in tutti i verticali. Le chiamate e le visite al sito Web, al contrario, hanno subìto una leggera inflessione ma si sono mantenute costanti.

Google My Business è più importante ora di quanto non lo fosse un anno fa. Per permettere alle aziende di affrontare la crisi, Google ha messo in campo delle limitazioni, come la sospensione delle recensioni e delle Q&A da parte dei clienti, con l’intento di proteggere le attività commerciali dalla diffusione di informazioni errate e da persone che hanno provato a sfruttare questo canale per diffamarle nonostante le circostanze indipendenti dalla loro volontà.

Ciò che GMB offre ora alle aziende non è solo una strategica riduzione dei servizi, ma anche funzionalità ad hoc per facilitare alle aziende la comunicazione di informazioni vitali. Ne sono degli esempi il tipo di “COVID-19 Post”, ideato per aggiornare rapidamente le proprie pagine di GMB con informazioni che influiscono sulle loro operazioni e l’opzione “Temporaneamente chiusa” per le aziende che sono state costrette a interrompere il servizio.

Dopo la pandemia, GMB continuerà ad essere un’ancora di salvezza commerciale. Funzionalità locali come i Post, che hanno consentito alle aziende di comunicare più facilmente aggiornamenti tempestivi ai propri clienti, verranno adottati sempre più e acquisiranno una nuova importanza.

Dopo COVID, vedremo un’integrazione molto più stretta di strumenti digitali (inventario, prenotazione, ordini, pagamenti) e offline. Google sta cercando di colmare il divario digitale-fisico e di rendersi indispensabile non solo come canale di marketing, ma sempre più come una sorta di piattaforma al servizio delle imprese.

AUTORE: Eda Granda – SEO Specialist

Tags