• WP
  • Blog
  • GOOGLE ADS, GOOGLE MARKETING PLATFORM E GOOGLE AD MANAGER

GOOGLE ADS, GOOGLE MARKETING PLATFORM E GOOGLE AD MANAGER


Google procede con il rebranding delle proprie piattaforme pubblicitarie

Da martedì 24 luglio Google ha iniziato il rebranding dei principali strumenti per le campagne pubblicitarie. Tutte le modifiche e novità verranno rilasciate nel corso dei prossimi mesi.

Le novità riguardano principalmente Google Adwords e l’ecosistema Doubleclick:

  • Google Adwords diventerà Google Ads
  • Il full stack di Doubleclick verrà suddiviso in Google Marketing Platform (Google Analytics 360 Suite, DCM e DBM) e in Google Ad Manager (che include DoubleClick per Publishers e Double Click Ad Exchange) 

Google Adwords in Google Ads

Creato dal 2000, Adwords è lo strumento più utilizzato per creare e gestire campagne di keyword advertising. Nato inizialmente per la pubblicazione di soli annunci di testo su Google ha subito una graduale evoluzione trasformandosi in una suite che permette di pianificare anche campagne sulla rete display e su YouTube.

Il rebranding non è solamente un cambio di nome, ma un vera e propria legittimazione dello strumento ne “la porta d’ingresso per gli inserzionisti per l’acquisto su tutte le piattaforme di Google” come dichiarato da Sridhar Ramaswamy, vicepresidente senior Ads & Commerce di Google.

Google Marketing Platform

Integrare i prodotti per inserzionisti di Doubleclick e Google Analytics 360 è la via intrapresa da Google già da qualche anno. L’interconnessione tra Analytics e DCM è uno dei pilastri della Full Stack di DoubleClick. Questa modifica avvicina ancora di più le piattaforme unendole sotto un unico cappello anche a livello nominale.

Google continua a investire quindi su Analytics 360 cercando di convincere un numero sempre maggiore di inserzionisti a effettuare l’upgrade dalla piattaforma gratuita a quella più completa.

Google Ad Manager

L’ultima parte del rebranding riguarda invece i publisher e gli editori che vogliono monetizzare i propri portali attraverso la vendita di spazi pubbilicitari. Google Ad Manager unisce infatti DoubleClick for Publisher e DoubleClick Ad Exchange e servizi.

Google Ad Manager aiuterà i publisher a monetizzare tutte le pagine, comprese le AMP, e tutti i formati maggiormente coinvolgenti, come i live stream. Google Ad Manager permetterà inoltre di massimizzare le revenue provenienti da app e giochi e dalle sue piattaforme di distribuzione di contenuti come YouTube e Google News.

Quali sono gli obiettivi di Google?

Un’operazione di queste dimensioni sottintende ovviamente delle chiare intenzioni commerciali da parte di Google: offrire maggiori spazi pubblicitari per massimizzare le proprie revenue.

Come il mercato di publisher ed editori risponderà a questa operazione lo scopriremo nei prossimi mesi, sicuramente Google offre nuove possibilità di guadagno (e di investimento) che se sfruttate nel modo opportuno potranno migliorare il panorama dell’online advertising.

Tags: