4 motivi per regalare un prodotto o servizio agli utenti

19/03/2019

Secondo un articolo di Econsultancy, nonostante le aziende siano restie a regalare prodotti o servizi ai consumatori, questo permette di ottenere maggiori risultati.

Ad esempio, ordini di importi superiori, fedeltà dei clienti e rinnovo dell’inventario. Noi aggiungiamo che un altro buon motivo per concedere gratuitamente prodotti o servizi è la raccolta di nuovi lead. Vediamo uno per uno tutti i vantaggi.

1)   Spedizione gratis per ottenere ordini di importi superiori

Secondo Econsultancy, l’81% degli utenti che acquistano su Internet vorrebbe le spese di spedizione gratuite. Per un e-commerce, però, coprire il costo delle spedizioni non è sempre possibile, specialmente nei casi in cui gli ordini includono pochi prodotti per un importo basso.

Esiste una soluzione che accontenta non solo i clienti ma anche l’azienda: stabilire una soglia di acquisto, raggiunta la quale l’utente ottiene la spedizione gratis. In questo modo, i consumatori sono incentivati a spendere di più e l’e-commerce non subisce perdite, ma ottiene al contrario maggiore guadagno. Sempre secondo Econsultancy, la percentuale di utenti che aggiungerebbe nel carrello ulteriori prodotti per ottenere la spedizione gratis è il 58%.

2)   Prodotti o servizi gratuiti per ottenere la fedeltà dei clienti

Una delle tattiche utilizzate dagli shop online per incrementare le vendite è conquistare la fedeltà dei clienti. Ad esempio, invitandoli ad acquistare nuovamente sull’e-commerceper ottenere una ricompensa, come la spedizione gratuita o un prodotto omaggio. Questo incentivo ha lo scopo di ottenere ulteriori vendite ma anche di evitare che i propri clienti acquistino dai competitor.

Secondo Econsultancy, il 54% dei consumatori è disposto ad aumentare la frequenza d’acquisto su un determinato sito per ottenere ricompense. Per un’e-commerce, questi utenti hanno un valore superiore rispetto ai nuovi clienti, la cui acquisizione richiede un costo più alto di 5/10 volte. Per questo motivo, il consiglio è di riservare ai clienti che sono registrati e acquistano regolarmente dal proprio sito delle condizioni privilegiate: ad esempio, una soglia inferiore per l’ottenimento di spedizione gratis o prodotti omaggio. In altre parole, vale la pena che uno shop online si accolli qualche costo in più pur di mantenere fedeli i clienti abituali.

3)   Prodotti gratuiti per rinnovare l’inventario

Supponiamo che un e-commerce abbia ordinato una quantità troppo elevata di un determinato prodotto. Econsultancy porta l’esempio di guanti per la stagione invernale, difficilmente rivendibili in primavera, estate e autunno. In questo caso, per avere maggiori possibilità di venderli tutti entro la fine dell’inverno, è possibile applicare degli sconti elevati. Questi, tuttavia, rischiano di dare all’utente la percezione di un minor valore del prodotto.

Per questo, si può ricorrere a una strategia diversa, la “2 x 1”, in cui l’utente acquista due prodotti al prezzo di uno. Inoltre, se i guanti sono stati acquistati dall’e-commerce a una cifra contenuta, è anche possibile includerli negli ordini dei clienti come omaggio. Anche questa strategia prevede un doppio risultato: per i clienti c’è l’effetto sorpresa e la gratificazione di sentirsi speciali nell’acquistare sul sito; per l’e-commerce c’è il vantaggio di potersi “liberare” dei prodotti in eccedenza.

4) Prodotto gratuito per incentivare l’iscrizione

Come abbiamo detto nella nostra Guida alla lead generation, i prodotti gratuiti sono uno degli espedienti più efficaci per ottenere nuovi nominativi di potenziali clienti. L’ottenimento di un prodotto gratis, infatti, riesce a convincere gli utenti a iscriversi a un sito o a una newsletter.

In particolare, si possono utilizzare campioni omaggio, regali, oppure il meccanismo “Diventa un tester”. Nella nostra guida gratuita, trovi 8 case history di successo.

Naturalmente, bisogna fare molta attenzione alle modalità con cui si offre un prodotto o servizio gratuito: è indispensabile che le offerte non siano troppo frequenti e che il vantaggio per il cliente sia comunicato senza sminuire il valore del prodotto in regalo.

AUTORE: Gessica Malagò – Creative Digital Strategist